Ego: granaccia 2019 – La Casetta

18,00

Disponibile

Category:

Denominazione: Ego
Vitigni: Granaccia 100%
Annata: 2019
Gradazione: 13 %
Formato: Bottiglia 75 cl
Vigneti: Località Bonfigliara, 400 mt s.l.m. – Esposizione a sud

Descrizione

Un vino e un vitigno insoliti per la nostra Liguria, che con il tempo ha dimenticato le antiche tradizioni legate alla coltivazione e vinificazione della Granaccia (parente della vicina Grenache francese).
Giada ha deciso di ridare valore all’uva Granaccia che già suo nonno coltivava, il risultato è stupefacente e si chiama ‘Ego’. Il vino viene prodotto con una macerazione sulle bucce dell’uva per circa una settimana. A seguire, avviene la fermentazione, in modo spontaneo, in acciaio e senza aggiunta di lieviti artificiali. L’affinamento è in barrique di rovere per un anno e successivamente il vino riposa qualche tempo in cantina prima di essere messo in vendita. Un concentrato di frutti rossi, succo d’uva e una leggere speziatura finale che rendo il vino agile. Il mio consiglio è quello di berlo fresco, per un aperitivo o accompagnato a un primo piatto.

La Casetta
3 ettari di vigna per un totale di 12.000 ceppi di Pigato, Vermentino, Rossese, Ormeasco e Granaccia. La casetta è una piccola azienda vinicola giunta oramai alla terza generazione con Giada, la donna che oggi porta avanti con orgoglio la storia di famiglia. L’idea è quella di lavorare con i vitigni autoctoni liguri e trasformare le uve in vino senza intervenire in modo drastico sulla vinificazione: il vino deve avere il suo tempo e vivere, trasformarsi e poter essere considerato in divenire. Tutto questo prende forma nel paese di Ranzo, nel bel mezzo della valle Arroscia, un borgo che rappresenta fieramente la produzione di Pigato – e non solo – in Liguria.